Si avvicina il record di imbottigliamento per i vini Doc Sicilia con quasi 30 mln di bottiglie prodotte. A trainare è l’exploit del Grillo Sicilia Doc che ha superato 2 milioni di bottiglie, producendone nei primi sei mesi dell’anno ben 1,3 mln. A commentare i dati è il direttore del Consorzio di Tutela vini Doc Sicilia, Maurizio Lunetta.

”I primi sei mesi di produzione confermano che la Doc Sicilia si avvia al traguardo di 30 milioni di bottiglie prodotte nel 2017 con un incremento di poco superiore al 10% rispetto all’anno scorso”, dice Lunetta commentando i dati che si riferiscono al periodo che va da gennaio a giugno 2017. ”A trainare la crescita il Grillo Sicilia Doc che nei primi 6 mesi dell’anno ha visto un’impennata di quasi il 50% dell’imbottigliato rispetto allo stesso periodo del 2016. Il Grillo Sicilia Doc ha superato i 2 milioni di bottiglie: nei primi sei mesi dell’anno scorso la produzione è stata di 1,3 milioni di bottiglie”.

Cresce di poco ma cresce anche il Nero D’Avola, che ha aumentato la sua produzione di 200 mila bottiglie, arrivando a produrne 3,9 milioni nel primo semestre.

Parole di soddisfazione quelle di Antonio Rallo, presidente del Consorzio di Tutela vini Doc Sicilia. “La scelta di proteggere i vitigni autoctoni più rappresentativi come il Grillo e il Nero d’Avola, che stanno acquisendo maggiore valore, ci permette di dire che abbiamo imboccato la strada giusta. Una decisione condivisa da tutta la filiera, dal mondo della cooperazione a quello delle piccole e grandi aziende, che ci ha consentito di tracciare per il vino siciliano una strategia unica”.

A tal proposito, Grillo e d’Avola saranno presenti al tasting del festival agri-rock di Barolo “Collisioni“. La giornata del 16 luglio sarà interamente dedicata al vino con l’evento “Sicilia mon amour”, che ha fatto già registrare il sold out. Per il programma di Collisioni Festival clicca qui.