Leggere, nutrienti e dissetanti. Frutta e verdura sono due tipi di alimenti indispensabili per rinforzare le difese e dare vitalità all’organismo. Consumarli giornalmente e in giuste quantità infatti ci aiuta a tenere lontani pericoli come l’obesità e malattie cardiovascolari. Secondo un’analisi Coldiretti, presentata in occasione del Macfrut, è aumentato considerevomente il consumo di questi due alimenti, facendo registrare un +4% nel 2017. Un’inversione di tendenza che è il risultato di un cambiamento in positivo degli stili alimentari degli italiani.

Nel primo bimestre dell’anno, spiega Coldiretti, gli italiani hanno acquistato circa 1,3 milioni di tonnellate di prodotti ortofrutticoli, di cui 711 mila tonnellate di frutta e oltre 590 mila tonnellate di verdura. Sono state vendute più patate, insalate e pomodori (+9%), carciofi (+7%) e radicchi (+11%), kiwi (+8%), clementine (+7%),  mele (+4%), arance (+2%) e pere (+1%).

Questo aumento considerevole dell’acquisto di ortofrutta è stato reso possibile grazie alla varietà e alla qualità dei prodotti Made in Italy e alla superficie dedicata alla coltivazione pari a 1,13 milioni di ettari.

“L’Italia ha le risorse per cogliere le opportunità che vengono dal prepotente affermarsi di nuove tendenze salutistiche in Italia e all’estero dove il Made in Italy ha un valore aggiunto in più”, ha affermato il presidente Coldiretti, Roberto Moncalvo.  “Si tratta di un trend positivo spinto dai riconoscimenti attribuiti a livello mondiale alla dieta mediterranea il cui ruolo importante per la salute è stato riconosciuto anche con l’iscrizione nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco”.

Positivi anche i dati che riguardano l’export di frutta e verdura fresche, che fanno segnare nel primo mese del 2017 il valore più alto degli ultimi 25 anni, con un incremento dell’11%. I dati riguardanti ai primi mesi del 2017 migliorano dunque il primato registrato nel 2016 facendo segnare un record assoluto.